Home Page | Dintorni | DINTORNI 13 - Maggio 2012 | Pagina corrente: Ecologisti... si diventa!
DINTORNI 13 - Maggio 2012

Ecologisti... si diventa!

Può capitare che nel corso della vita si decida di iniziare a svolgere un’attività utile per la comunità e per l’ambiente che ci circonda. Ecco quindi che viene l’idea di diventare Guardie Ecologiche pronte a percorrere in lungo e in largo il territorio con lo scopo di prevenire fenomeni di degrado ambientale e non solo! Ad un gruppo di argentani è capitato!

di Barbara Peretto - foto di Sergio Stignani 


Vanes Alberighi, Riccardo Binelli, Clinio Cavallini e Fausto Ghesini hanno deciso di impiegare parte del loro tempo libero per partecipare al corso per guardie giurate volontarie ambientali e zoofile di Legambiente, acquisendo nell'ottobre 2011 il patentino con Decreto Prefettizio. Dall'aprile 2012 insieme a SOELIA hanno intrapreso un progetto di controllo del territorio contro l’abbandono dei rifiuti, di informazione e sensibilizzazione della popolazione sul corretto conferimento dei rifiuti. Abbiamo rivolto a Vanes e Fausto alcune domande in merito.
Che cosa vi ha spinto a diventare Guardie Ecologiche Volontarie?
VANES «Le tematiche legate all’ambiente ci hanno sempre appassionato. Partecipando già alle attività della Casa del Volontariato, con l’associazione di promozione sociale "Verità per Denis”, ho incontrato Fausto e insieme abbiamo deciso di frequentare il corso di Legambiente, organizzato dal Circolo Delta del Po, per diventare Guardie Ambientali. Da qui è cresciuta la sensibilità e la consapevolezza sulle tematiche ambientali».
Avete quindi preso contatti con il Comune?
VANES «Sì, qualche tempo fa si è tenuto un incontro, alla presenza del Sindaco Antonio Fiorentini, con le varie associazioni del territorio per raccogliere adesioni ad iniziative di volontariato. Abbiamo quindi deciso di rispondere alla "chiamata alle armi" per offrire la nostra nuova professionalità sul fronte della vigilanza ambientale».
Quali obiettivi vi proponete?
VANES «Puntiamo in particolare sul tema "rifiuti": cerchiamo di sensibilizzare la cittadinanza ad una corretta raccolta differenziata, prevenire fenomeni di abbandono e degrado, aiutare l’Amministrazione nel presidio del territorio. Per queste ragioni l’Assessore all’Ambiente Sauro Borea ci ha indirizzati a SOELIA che ha deciso di aiutarci in questi nostri propositi».
Come Guardie Giurate che tipo di attività svolgete in concreto?
FAUSTO «Usciamo periodicamente a perlustrare il territorio, spesso in luoghi mirati dove sappiamo esserci problemi particolari: restiamo in loco per un po’ di tempo, parliamo con la gente e teniamo gli occhi ben aperti per ravvisare qualsiasi illecito di tipo ambientale. Controlliamo le isole ecologiche, fotografiamo gli abbandoni di rifiuti… trasmettendo poi il tutto agli organi di vigilanza superiore. Ogni volta che decidiamo di uscire sul territorio avvisiamo della nostra reperibilità il Comando di Polizia Provinciale e quello Municipale».
Come guardie zoofile di cosa vi occupate?
VANES «Siamo guardie caccia e pesca, possiamo controllare la regolarità delle licenze di pescatori e cacciatori, abbiamo inoltre la facoltà di segnalare casi di maltrattamenti di animali».
Come vi riconoscerà la gente?
VANES «Potrà riconoscerci dalla divisa di colore verde con appuntati i loghi delle Guardie Volontarie e di Legambiente, ma soprattutto portiamo con noi il decreto prefettizio indispensabile all'esercizio delle nostre funzioni».
Potete anche comminare sanzioni?
FAUSTO «Sì, in quanto pubblici ufficiali possiamo emettere sanzioni. Portiamo sempre con noi il prontuario della Regione sulle violazioni accertabili dalle Guardie Ecologiche, nonché un blocco verbali caso mai ci fosse la necessità di sanzionare».
Il progetto che state per intraprendere con SOELIA cosa prevede?
FAUSTO «La collaborazione con la nostra multiutility è rivolta principalmente a sensibilizzare la cittadinanza e prevenire i fenomeni di abbandono rifiuti. Su segnalazione di Soelia perlustreremo principalmente quelle zone soggette a frequenti abbandoni. Speriamo che il nostro presidio possa essere un deterrente all’inciviltà ed alla maleducazione delle persone. Manterremo un rapporto diretto e costante con l'Assessore all'Ambiente Sauro Borea e il suo staff, con Franco Ricci responsabile del Servizio Igiene Urbana di SOELIA e con l'Ispettore Capo Pamela Pamini della Polizia Municipale».
Nel caso rinveniate rifiuti abbandonati cosa farete?
VANES «Cercheremo di risalire al responsabile e invieremo repentinamente la segnalazione alle istituzioni».
Ma farete anche opere di sensibilizzazione?
FAUSTO «Certamente, il nostro intento non è quello di essere degli sceriffi dell'ambiente! Vogliamo aiutare i cittadini a comprendere l'importanza di una corretta raccolta differenziata. Parleremo quindi tanto con le persone, cercando di aiutarle ad orientarsi nel complesso mondo dei rifiuti. Per fare ciò avremo anche a disposizione le utilissime guide di SOELIA sul corretto conferimento dei materiali, personalizzate per Legambiente. Il messaggio principale che dobbiamo trasmettere è che se non si esegue correttamente la raccolta differenziata o se si abbandonano rifiuti sul territorio, chi ne paga le conseguenze alla fine è il comune cittadino. Dobbiamo pertanto impegnarci tutti quanti a fare del nostro meglio: lo sforzo del resto è molto piccolo confrontato al beneficio che ne può trarre l'intera comunità!».
"Attenti a quei due”, allora!
VANES «Non solo a noi due! Questo progetto può essere il primo passo per rimpinguare le fila dei volontari di Legambiente sul territorio. Per ora siamo una decina, di cui quattro guardie volontarie e all'occorrenza possiamo avvalerci di colleghi all'interno del nostro Circolo Delta del Po».
FAUSTO «E non ci fermeremo solo a questo bellissimo progetto. Insieme a SOELIA ci impegneremo anche nell'organizzare Puliamo il Mondo che annualmente coinvolge il Comune, le Scuole e i Consigli di Partecipazione. Abbiamo in programma tante iniziative anche con la collaborazione delle altre associazioni di volontariato del territorio di Argenta. Concretizzarle tutte sarà possibile solo grazie alla partecipazione della gente. Cerchiamo quindi nuove reclute!».

guardie ecologiche segnalazioni tel 800 950 015

COME DIVENTARE GUARDIE ECOLOGICHE VOLONTARIE

Legambiente organizza dei corsi della durata di circa 3 mesi per aspiranti volontari interessati ad approfondire tematiche ambientali.
Gli argomenti trattati spaziano dalle problematiche inerenti la gestione delle acque (valli, fiumi, bacini potabili, mare) a quelle su fauna e flora nei loro habitat naturali; nozioni e leggi sui principali illeciti ambientali; nonché di vigilanza zoofila e del benessere degli animali.
Al termine del corso, tenuto da professionisti di vari settori, si presta giuramento presso il Prefetto di Ferrara e si diventa così Pubblico Ufficiale a tutti gli effetti per un periodo di due anni.
Il Circolo di Legambiente Delta del Po organizzerà anche nel 2012 un nuovo corso per diventare guardie ambientali.

Per maggiori informazioni
www.legambientedeltapo.it

 
Rapporto di Sostenibilità 2016
Rapporto di Sostenibilità 2016 Sostenibilità economica, sociale ed ambientale nei rapporti con il territorio, nell'erogazione dei servizi, nella pianificazione degli investimenti e negli impegni assunti
Distribuzione gas

Delibera ARG/com n. 146/11 e s.m.i.
Allineamento delle anagrafiche dei punti di prelievo

SOELIA SpA - Via Pietro Vianelli, 1 - 44011 Argenta (Fe)
Società con Socio Unico - Capitale Sociale € 23.145.270,00 I.V. N. Registro Imprese C.C.I.A.A. Ferrara, C.F. e P.I. 01328110380 - Credits
Content Management - Si autorizza l'uso di parte del contenuto di questo sito, previa richiesta di autorizzazione via e-mail specificando quale utilizzo se ne intende fare.