Utenze domestiche

Per le utenze domestiche, immobili ad uso privato,  l’importo della tassa è dato da una quota fissa e una quota variabile, calcolate in relazione alla superficie calpestabile dell’immobile e al numero di persone occupanti.

Per l’attivazione di una nuova utenza è necessario fornire documentazione di titolarità sull’immobile (esempio rogito, contratto di affitto, usufrutto o altro), la planimetria con indicata metratura oppure Visura catastale (in assenza di documentazione è possibile confermare la metratura precedente, che sarà oggetto di verifica), documento di identità, codice fiscale, recapito telefonico.

ATTIVAZIONE UTENZA DOMESTICA

Qualora la metratura dell’immobile subisca delle variazioni l’utente ha il dovere di comunicarlo presentando una visura catastale aggiornata.

VARIAZIONE UTENZA DOMESTICA

La cessazione della TARI può essere richiesta in occasione della chiusura di tutte le utenze (gas, acqua e luce), allegando i relativi riscontri, cessazione della residenza, scadenza del contratto di locazione\usufrutto.

CESSAZIONE UTENZA DOMESTICA

Nel caso di decesso dell’intestatario TARI, gli eredi possono effettuare un subentro.

SUBENTRO PER DECESSO UTENZA DOMESTICA

 

In caso di delega allegare i documenti di riconoscimento (documento di identità, codice fiscale) del delegato.

MODULO DELEGA